Kinesiologia applicata

 

La KINESIOLOGIA APPLICATA. e' una disciplina che si basa sull'utilizzo di test muscolari; che ha campi di applicazione molto  vasti, da problematiche fisiche ad emotive fino all'esame delle intolleranze alimentari.

E' una tecnica nata intorno agli anni 60 quando un medico americano, Goodheart, si rese conto che muscoli tonici dei suoi pazienti perdevano improvvisamente forza a fronte di determinati stimoli fisici, emotivi, biochimici (es. assunzione di un cibo) e da lì partì con studi e sperimentazioni che gli permisero di affinare l'utilizzo della tecnica dei TEST MUSCOLARI attraverso la THERAPY LOCALISATION (TL) basato sull'influenza che  Il Sistema Nervoso ha sui processi fisici ed emotivi.

I 5 elementi sulla quale si basa la kinesiologia applicata sono:

1) Sistema nervoso, in relazione alla colonnna vertebrale ed alla fuoriuscita dei nervi ed alla trasmissioni degli impulsi nervosi e per l'influenza sulla nutrizione;

2) Sistema dei Vasi Linfatici, correlati con organi e ghiandole: lo stimolo dei punti neuro linfatici migliora la risposta  muscolo/organo in associazione al punto;

3) Sistema dei Vasi Sanguigni, attraverso stimolazione dei punti neurovascolari di Bennet, localizzati sul cranio, che migliorano l'irrorazione sanguigna e la risposta dei muscoli/organi associati;

4) Liquido cerebrospinale, protegge il cervello ed il midollo osseo e la sua fuoriuscita dai ventricoli del cervello produce quello che viene chiamato "RESPIRO CRANIOSACRALE" e la sua stimolazione (tecnica craniosacrale) permette benefici sulla struttura scheletrica ed ossa craniche ma anche ai vari distretti muscolari, organi, sistema fasciale e viscerale;

5) Sistema dei Meridiani di Agopuntura derivanti dalla Medicina Tradizionale Cinese: la stimolazione di singoli punti o sblocco dell'intero percorso dei meridiani (12 principali) permette di risolvere la maggior parte delle problematiche di organi, visceri, muscoli lungo il percorso dei meridiani e la risoluzione di problematiche emotive correlate ai meridiani stessi. 

 

 A fronte di un disagio espresso dal cliente, IL KINESIOLOGO, ATTRAVERSO IL TEST MUSCOLARE, INDIVIDUA LA NATURA DEL DISAGIO stesso all'interno di quello che viene chiamato "TRIANGOLO DELLA SALUTE" che significa verificare se l'origine e' di tipo biochimico, strutturale od emozionale oppure una combinazione di queste tre espressioni.

I suoi campi di applicazione sono molto vasti, dalla correzione delle posture fisiche, con riduzione e/o eliminazione di problematiche a livello muscolare e articolare, al riequilibrio energetico della persona attraverso la così detta "TERAPIA DEI MERIDIANI" (molto spesso una scarsa circolazione delle nostre energie e' causa di disagi fisici, pertanto ,anche nell'ambito di un massaggio sportivo, il kinesiologo si interessa del livello energetico dell'atleta e della persona in genere al fine di rimettere in circolo energie bloccate o inutilizzate).

Uno dei concetti fondamentali della Kinesiologia Applicata è quello di INVERSIONE PSICOLOGICA OD ENERGETICA: molto spesso la difficile riconquista della salute da parte di una persona è dovuta ad un autosabotaggio che il corpo opera su se stesso; situazioni portate avanti nel tempo, shock emotivi o traumi fisici possono modificare le registrazioni cellulari con la conseguenza che il corpo considera "normale" stare male mentre non registra più la percezione di stare bene. Lo schema di inversione psicologica si osserva quando nel test muscolare si chiede al cliente di immaginarsi in una situzione positiva di salute fisica/emotiva ed il muscolo testato diventa ipotonico perdendo forza, quando poi al cliente si chiede di immaginarsi nella situazione di disagio fisico/emotivo il muscolo testato diventa tonico acquisendo forza. Altro esempio: si può far immaginare alla persona che vuol dimagrire di essere in perfetta forma fisica, il muscolo diventa debole, gli si fa immaginare di aumentare ulteriormente il peso o rimanere nello stato in cui è ed il musccolo testato diventa forte.

L'INVERSIONE PSICOLOGICA OD ENERGETICA è molto diffusa e riguarda gli aspetti più disparati della esistenza, riguarda sia gli aspetti fisici che quelli emotivi e si può manifestare nelle varie fasi della vita a partire dall'essere bambini, può riguardare anche aspetti che abbiamo ereditato dai nostri genitori ed un concetto fondamentale è quello per cui  TANTO MAGGIORE E' L'ACCETTAZIONE DI NOI STESSI TANTO MINORE E' LA PROBABILITAì CHE UNA INVERSIONE PSICOLOGICA SI MANIFESTI. IL TRATTAMENTO DELLA INVERSIONE PSICOLOGICA DIVENTA PRIORITARIO PRIMA DI QUALUNQUE ALTRO INTERVENTO poichè occorre eliminare la registrazione errata sul fisico e ripristinare quella corretta creando il terreno fertile per intervenire poi con altre tecniche scelte dal corpo attraverso il test kinesiologico, ANCHE UN MASSAGGIO PUO' NON ATTECCHIRE SUL FISICO DI UN CLIENTE IN PRESENZA DI UNA INVERSIONE PSICOLOGICA OPPURE I BENEFICI RISULTANO LIMITATI NELLA LORO DURATA ED INTENSITA'.

Le inversioni psicologiche creano una scorretta circolazione dell'energia dei meridiani e possono bloccarsi più meridiani: il compito del kinesiologo è quello di individuare i meridiani bloccati e stabilire quali siano i prioritari da trattare per ripristinare la registrazione cellulare corretta e tenere sotto controllo che l'inversione non ricompaia: all'interno della situazione di sblocco della inversione e di aumento del livello energetico della persona si possono apportare poi le altre tecniche, dal massaggio, alla digitopressione, dal craniosacrale al massaggio bioenergetico a seconda anche della preparazione dell'operatore.

Data la vastita' dell'utilizzo, si consiglia il cliente di contattare lo studio per esprimere il problema al fine di individuare il percorso migliore da seguire per la sua risoluzione: IL VANTAGGIO DELLA CONSULTAZIONE KINESIOLOGICA, ATTRAVERSO I TEST MUSCOLARI, CONSISTE NEL RIUSCIRE A CREARE UN PERCORSO AD HOC, SPECIFICO PER IL CLIENTE.

Presso lo studio è possibile sperimentare anche un COMPLETO TRATTAMENTO DI RIEQUILBRIO ENERGETICO NEUROVASCOLARE FATTO SULLA TESTA: il cliente sarà sdraiato, completamente vestito, in posizione supina e l'operatore sarà seduto dietro la sua testa. Il trattamento consiste in un tocco lieve, senza pressione, su alcuni punti (punti Bennet) che possono essere pensati come dei punti riflessi dei 12 meridiani principali e dei due Meridiani Meravigliosi di Vaso Concezione e Vaso Governatore. i punti vengono trattati per 3 minuti, utilizzando una musica molto rilassante con uno scampanellio molto dolce che cadenzia il tempo previsto. Di per sè il trattamento dura 42 minuti e nel durante il cliente può andare in uno stato alterato di coscienza o addirittura addormentarsi, pertanto i telefonini saranno messi in silenzio. Al trattamento può essere data una "intenzione" ,esempio permeare le cellule del corpo del cliente con l'informazione "desidero volermi bene": questa informazione passa nel sangue attraverso il sistema nervoso ed è per questo che il trattamento viene definito neurovascolare. E' UN TRATTAMENTO PRIORITARIO DA FARE IN TUTTI I CASI IN CUI SI PRESENTA UN CLIENTE CON UN BASSO LIVELLO DI UTILIZZO DELLE PROPRIE ENERGIE ED UN FORTE LIVELLO DI STRESS CORPOREO (IN K.A. LO SI DEFINISCE IN SWITCH) FERMO RESTANDO SPECIFICI CASI IN CUI E' SCONSIGLIATO (es trauma cranico appena avuto)